Superare la convinzione di non essere abbastanza

Sei una donna unica, piena di talenti, di passioni e di sogni. Sei in gamba, intelligente e nella vita hai raggiunto molti traguardi.
Eppure spesso hai la convinzione di non aver fatto abbastanza, di non essere abbastanza.

Nei miei oltre 50 anni di vita questa sensazione l’ho vissuta frequentemente: tante sono state le situazioni in cui mi sono sentita “non abbastanza”.
E da quando lavoro come Coach al femminile, non sentirmi abbastanza è una sensazione che avverto anche nella mia vita di libera professionista.

Non sono abbastanza costante, disciplinata, preparata, formata, intraprendente, … e potrei continuare all’infinito ! La formazione non sembra mai sufficiente, le ore di lavoro mai quelle giuste, le idee mai veramente brillanti.

Eppure ci sono le conferme, i ringraziamenti delle clienti, gli attestati, i sorrisi di Donne meravigliose alla fine dei nostri incontri.
Ma una vocina è sempre pronta a sussurrare “Avresti potuto fare di più !”.

Un “di più” che non ha limiti perché l’asticella dei traguardi da raggiungere per sentirmi abbastanza è sempre ad un livello più alto rispetto a quello in cui mi trovo.

La vocina del “non sei abbastanza” è dentro di me da sempre, e senza rendermene conto, negli anni sono stata io a darle tanto spazio per crescere.

E’ cresciuta quando da piccola non ero una bambina “abbastanza” estroversa.
E’ cresciuta quando a scuola non ero abbastanza creativa per disegnare bene come i compagni.
E’ cresciuta nella mia esperienza londinese quando non ero abbastanza fluente con la lingua per sentirmi a mio agio.

 

Oggi lo vedo. E ho imparato a riconoscerla quella voce.

 

Quando la sento parlarmi all’orecchio, mi fermo e l’ascolto.
No, respingerla non serve, rischia solo di amplificarne il volume.

La ascolto e cerco un dialogo con lei.
In fondo ha il suo lato buono : è li per spingermi a fare meglio, è lì per guidarmi verso nuovi obiettivi, è lì per rendermi ogni giorno più preparata e capace.
Ma so anche che è insaziabile e il più delle volte non è obiettiva.
Pretende. Pretende molto, moltissimo.

Lei, la voce del “non sei abbastanza” non perde occasione per criticarmi, giudicarmi, umiliarmi.

 

La ascolto e poi analizzo.

 

E’ davvero così ?
Davvero non sono abbastanza preparata ?
Davvero non sono una madre abbastanza capace ?
Davvero avrei potuto fare ancora di più nel lavoro ?

La maggior parte delle volte, la parte più saggia ed obiettiva di me, risponde che non è così.

Posso migliorare, certo.
Ma oggi ho fatto abbastanza. Oggi sono abbastanza.

Non sentirsi abbastanza è un grande ostacolo alla nostra realizzazione come Donne. Lo vedo sempre più spesso nei miei percorsi individuali e di gruppo.

E per questo dobbiamo riconoscerla quella voce, ogni volta che si insinua nei nostri pensieri e altera la realtà.

Se anche Tu sei perseguitata dalla voce del “non sei abbastanza”, il mio suggerimento è quello di iniziare ad ascoltarla quella voce, e lavorare su questi 3 aspetti :

 

1. Identifica i Tuoi punti di forza

Spesso ci concentriamo solo sui nostri punti deboli e sulle cose che facciamo con maggiore difficoltà.
In realtà ciascuna di noi ha talenti, abilità e caratteristiche uniche che la rendono speciale.

Prenditi del tempo per identificare e apprezzare i tuoi punti di forza.
Scrivili, uno ad uno. Fai un elenco di tutte le tue capacità, competenze e qualità.
Rileggile ogni volta che senti arrivare la voce del “non sei abbastanza”

 

2. Smaschera le credenze negative che hai su te stessa

Molto spesso le convinzioni che abbiamo su di noi stesse sono solo delle storie che ci raccontiamo o che altri ci hanno raccontato.
Impara a riconoscere e a sfidare queste credenze limitanti. Chiediti se ci sono
prove concrete che supportino tali credenze o se sono solo pensieri negativi che hai accettato come verità.

 

3 Smetti di paragonarti agli altri

Di frequente la mancanza di fiducia in noi stesse è dovuta al confronto continuo con altre persone. Ci sentiamo diverse, meno capaci, più insicure, meno belle, meno, punto . Noi non siamo gli altri. Non abbiamo avuto la stessa infanzia, le stesse esperienze, le stesse opportunità. Noi abbiamo fatto un percorso, il nostro. Gli altri hanno camminato per altre vie.
Presta attenzione e osserva ogni occasione in cui tendi a paragonarti ad altre persone. Fermati prima di giudicarti. E non dimenticare che ciascuno ha le proprie caratteristiche uniche e il proprio percorso.

 

Ricorda : Tu sei già più che abbastanza !

 

Uno dei principali motivi per cui ho scelto di accompagnare le Donne nel cambiamento, è proprio perché so che siamo in grado di fare grandi cose ma troppo spesso rimaniamo bloccate dalla voce del “non sei abbastanza”

Se hai voglia di ricevere altri spunti per camminare con più fiducia nella Vita, Ti invito a iscriverti alla mia newsletter. Ti scrivo una o due volte al mese per condividere con te la mie riflessioni e un po’ di suggerimenti pratici.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mara Anelli life personal coach floriterapeuta

Ciao sono Mara Anelli

Personal Life Coach e Floriterapeuta

Come ti aiuto

Categorie del blog

Parti da te