Di cosa é fatta la felicità

Forse anche Tu come me, in certi periodi, ti chiedi se sei davvero felice.
E mentre una risposta netta tarda ad arrivare, persa tra strade tortuose, Ti stai già domandando : “Ma poi, di cosa è fatta la felicità ?

Uno di questi periodi mi è toccato proprio poche settimane fa.
Di cosa è fatta la felicità ? Era il pensiero che mi aspettava ogni mattina, ancor prima di aprire gli occhi

Negli anni ho imparato che quando un pensiero, così come un’emozione, invade in modo prepotente le nostre giornate non è saggio far finta di niente.
Certo sarebbe più facile abbassare il volume della mente o soffocare quell’emozione, ma non è così che le cose troveranno una soluzione.

Dunque, se una parte di me continuava ad interrogarsi sulla felicità, quelle domande andavano ascoltate e le risposte esplorate.

La ricerca

La mia ricerca è iniziata nella libreria di casa, che oltre ai miei libri, raccoglie quelli che ho ereditato dalla mia mamma. E’ stato proprio uno dei suoi, il testo che ha richiamato la mia attenzione.

“La formula della felicità” di Stefan Klein.
WOW !

Qui avrei trovato non solo la risposta alla domanda “Cos’è la felicità ?”, qui avrei trovato molto di più : una vera e propria formula per essere felice.
Sfogliato velocemente il testo, l’ho posato sulla scrivania, per andare a caccia di altre informazioni. Quando mi dedico alla ricerca mi è impossibile fermarmi alla prima risposta, voglio saperne di più.

E così la ricerca è continuata nei giorni attraverso l’amico Google. Quando ho digitato la parola felicità, il motore di ricerca mi ha restituito un elenco di 51.000.000 di risultati. Mi sono fermata ai primi 20 !

E poi il mio viaggio è continuato tra riflessioni e sperimentazioni personali e, non lo nascondo, alcuni momenti di profondo sconforto.

Dunque cosa ho scoperto ?

Vorrei poterti dire che oggi so esattamente di cosa è fatta la felicità e anche che ho trovato la formula magica per essere felice.
Purtroppo non posso, non è così.
E ho la sensazione che, se anche avessi letto gli oltre 50 milioni di pagine proposte da Google, una risposta chiara non l’avrei comunque.

Credo che la ricerca della felicità sia un viaggio che dura tutta la vita, e che non può essere certo racchiuso in una formula.

Ma interrogarmi ed esplorare mi ha permesso di fare un po’ di chiarezza sia dentro che fuori di me. Così ho individuato 3 elementi che, dal mio punto di vista, sono alla base del nostro viaggio verso la felicità.

I 3 elementi alla base della felicità

1. Il nostro modo unico

Essere felice significa qualcosa di diverso per ciascuno di noi.
Felicità per qualcuno è stare in relazione, per altri è solitudine, per qualcuno è movimento, per altri è quiete e staticità.

La prima azione da compiere è guardarci dentro, e la prima domanda da porci è : Cosa mi rende felice ? Cosa rende “felice me” ? Lasciando fuori le voci altrui e i rumori del mondo.
Prestiamo attenzione a non farci condizionare dai cliché che ci propone la società.
Non lasciamoci influenzare dalle aspettative altrui e dalla paura di deludere qualcuno.

Non dimentichiamo che : la vita è la nostra e la felicità anche !

Esplorare i nostri valori e le nostre passioni ci aiuta a trovare il nostro senso di felicità.
E poi c’è la sperimentazione : mettiamo in gioco tutte le volte che è possibile. Siamo curiose, facciamo esperienze nuove.

E’ fondamentale, io credo, ascoltare la voce che ci parla da dentro di noi.
Quella che forse ci vuole giardiniera o cuoca e non avvocata. Quella a cui piace camminare scalza anziché col tacco 12.
Nelle cose piccole, come in quelle grandi, chiediamoci sempre cosa vogliamo davvero per noi.

Cosa ci piace fare ? Cosa ci fa sentire soddisfatte ? Cosa fa sorridere la nostra Anima ?
Ci vuole tempo, pazienza ed ascolto profondo.
Ma, con l’attenzione rivolta sempre verso di noi, giorno dopo giorno scopriremo cos’è la felicità per noi.

2. Accettare quel che c’è

Ascoltare i nostri bisogni, assecondare i nostri desideri, seguire le nostre passioni : questa la strada per avvicinarci sempre più al nostro personalissimo stile di felicità.
E fin qui tutto OK.

Ma non siamo Alice e non viviamo nel paese delle meraviglie.
Sappiamo bene che anche quando ce la mettiamo tutta per trovare il nostro modo per essere felici, c’è la vita di mezzo.
Ostacoli, problemi, difficoltà, esperienze negative e così via. Anche nei momenti più inaspettati.

Cosa fare ?
Accettare con quanta più serenità ci è possibile.
Ci sono i periodi in cui niente sembra andare per il verso giusto : il lavoro con ritmi insostenibili, o il lavoro che non c’è affatto, le relazioni che si frantumano, la solitudine, un problema di salute o una difficoltà economica.

Scalpitare, lottare, arrabbiarsi, purtroppo non cambierà le cose.

Cambiare il nostro atteggiamento mentale invece si.
Agire per cambiare quel che è in nostro potere cambiare.
Accettare quello che non è in nostro potere cambiare.

Cercare il piccolo, minuscolo lato positivo nelle situazioni più dure : anche questo è un pezzo di viaggio verso la felicità.

Il più difficile, il più duro, ma il più trasformativo.

3. Far pace con te stessa

Ci sono le cose là fuori, quelle che appioppa la vita, e poi ci sono le cose dentro : quelle che produciamo noi stesse.

Alle volte son proprio le cose dentro che ci tolgono pezzi di felicità.
Ogni volta che :
– ci critichiamo
– ci giudichiamo
– ci accusiamo

Come possiamo sentirci felici se il nostro dialogo interiore è stracolmo di “Potevi farlo meglio” – “Hai sbagliato ancora” – “Non hai talenti” – “Non ce la farai” – “Non sei capace” ?

Quando contestiamo in continuazione la Persona con cui trascorriamo 24 ore al giorno, come possiamo aspettarci che sia felice ?

Prestiamo attenzione alle parole che rivolgiamo a noi stesse.
Ed alleniamoci ogni giorno ad avere un dialogo interno più amorevole e comprensivo.
Quando vogliamo bene ad una persona, facciamo il possibile per incoraggiarla e sostenerla. Questo alimenta la sua serenità e contribuisce certamente alla sua felicità.

Perché allora non farlo prima di tutto con noi stesse ?
Amiamoci, coccoliamoci, incoraggiamoci : sarà più semplice avvicinarci e godere della felicità.

 

Ed ora, sei pronta ad incamminarti nel Tuo personale viaggio verso la felicità ?
Ascoltati, accettati, amati e non farti condizionare.

Se in questo momento sei particolarmente confusa sul cammino da intraprendere, il coaching è uno strumento che può aiutarti.
Puoi sperimentarlo in una sessione gratuita in cui ti accompagno a fare chiarezza per trovare “tuo modo di essere felice”. Ci sono 3 posti ogni mese: puoi prenotare il tuo qui.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mara Anelli life personal coach floriterapeuta

Ciao sono Mara Anelli

Personal Life Coach e Floriterapeuta

Come ti aiuto

Categorie del blog

Parti da te